NOTA! Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie.

I cookie sono piccole porzioni di dati, che il server web fornisce al dispositivo di navigazione dell’utente, lo scopo principale è il permettere ai nostri utenti l’utilizzo dei nostri servizi. Inoltre le informazioni generate dall’uso dei cookie ci permettono di rendere migliore la navigazione permettendoci di individuare come ottimizzare le nostre pagine o le nostre infrastrutture tecniche.

Il nostro sito non produce direttamente cookie di profilazione, ovvero volti a creare profili relativi all’utente e che vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.

Il nostro sito può contenere anche link, servizi, immagini o componenti multimediali di terze parti i quali possono generare a loro volta dei cookie sui quali non possiamo avere controllo diretto.


I tipi di cookie che utilizziamo

Cookie Tecnici

Queste tipologia ha come unico scopo il garantire la trasmissione della comunicazione tra l’utente e il sito sulla rete Internet e nella misura strettamente necessaria al fornire il servizio da noi offerto in completezza e nelle migliori condizioni di qualità. I cookie tecnici gestiti dal nostro sito sono suddivisi in tre principali modalità d’utilizzo:

Cookie strettamente indispensabili alla generazione dell pagine web del sito

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come a titolo d’esempio accedere ad aree dedicate ad utenti registrati, la registrazione al sito,

Il login, utilizzo di eventuale carrello di elettronico e relativo modulo di pagamento online, etc.

Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come ad esempio la semplice visualizzazione di una pagina, non possono essere fruiti.

Cookie per l’analisi e la gestione delle prestazioni del sito

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitate, se sono stati generati messaggi di errore da pagine web.

Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite questi cookie sono aggregate e quindi anonime.

Lo scopo è quello di migliorare il funzionamento di un sito web e l’esperienza di navigazione dei visitatori.

Cookie per la gestione e l’analisi delle funzionalità

Questa tipologia di cookie consente al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente, all’interno del nostro sito per fornire funzionalità avanzate personalizzate come ad esempio: possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web dove previsto.

Essi possono anche essere utilizzati per fornire servizi richiesti dal visitatore come guardare un video.

Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie sono rese anonime e non in grado di monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.

Cookie e servizi di terze parti

Sono presenti nel sito Web anche servizi e link di terze parti, ad esempio i pulsanti per Facebook, Twitter, che potenzialmente possono collocare cookie nel dispositivo elettronico in uso quando si fa clic su di essi.

Si tenga presente che l’informativa sull’uso dei cookie non riguarda i link presenti nel sito Web che indirizzano a siti Web di terzi.

Si consiglia pertanto di leggere le informative sulla privacy presenti negli altri siti Web visitati attraverso i link indicati di seguito.

Per ulteriori informazioni, leggere attentamente i seguenti paragrafi sui link a siti, o servizi testuali, immagini o componenti multimediali di terzi presenti nel sito Web.

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Le componenti di Google Analytics, inserite nel nostro sito, possono utilizzare dei "cookies" generati direttamente dai server di Google Inc e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un'informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l'informativa sull'uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html .

Per le modalità di utilizzo dei "cookies" da parte di Gogole Analytics, si consiglia di visitare il seguente link:

http://www.google.com/intl/it/policies/technologies/cookies/ .

Google Inc. mette a disposizione un plugin per alcuni browser che impedisce il rilevamento del cookie del servizio Google Analytics, per maggiori informazioni visita il link:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it .

Pulsanti e widget sociali di Facebook

Il sito Web contiene pulsanti e widget per la condivisione di contenuti sul social network Facebook, 1601 South California Avenue, Palo Alto, CA 94304, U.S.A.

Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Facebook e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://www.facebook.com/about/privacy/ .

Pulsanti e widget sociali di Twitter

Il sito Web include funzioni per il provider Twitter, offerte da Twitter Inc., 795 Folsom St, Suite 600, San Francisco, CA 94107, U.S.A.

Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Twitter e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://twitter.com/privacy .

Se si è utenti del servizio twitter è possibile modificare le impostazioni di tutela dei dati direttamente dal proprio account seguendo il link:

http://twitter.com/account/settings .

Pulsante e widget sociali di Google+ (Google)

Il sito Web include funzioni per il provider Google inc, in particolare il pulsante +1 e i widget sociali di Google+, questi sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc. Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Google Inc e partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/ .


Pulsante e widget sociali di YouTube

Nel sito possono essere inclusi video, pulsanti ed altri widget sociali del servizio YouTube di YouTube, LLC. Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Youtube e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

https://support.google.com/youtube/answer/2407785?hl=it .

 

Negazione del consenso: disabilitazione dei cookie

Attualmente non è possibile disabilitare in modo selettivo i nostri cookie tecnici, è possibile in compenso disattivarli completamente. Per quanto riguarda i cookie di terzi si faccia riferimento ai link forniti nei paragrafi precedenti per l’eventuale disattivazione, dove possibile, selettiva.

Nel caso si volesse negare il consenso d’installazione dei cookie generati dal nostro sito è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer o dispositivo impostando, se previsto, la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati.

Visita il sito http://aboutcookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

E’ importante ricordarti che la disabilitazione dei cookie potrebbe impedirti di usare alcune, se non tutte, funzioni o sezioni del sito.

Il Centro culturale Ferrari non sarà responsabile di danni subiti dall’utente, tra i quali perdite dati e finanziarie, causate da malfunzionamenti legati alla negazione del consenso all’utilizzo dei cookie originati dal nostro sito e/o dai siti dei partner di terze parti.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Per la gestione dei cookie ti consigliamo di far riferimento ai siti degli sviluppatori dei browser, poiché queste variano continuamente in base alla versione del software installato, in particolare:

Internet Explorer (http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies)

Firefox (http://support.mozilla.com/it-IT/kb/Cookies)

Chrome (https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=it&answer=95647&p=cpn_cookies)

Safari (http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT)

Il nostro sito utilizza cookie tecnici necessari a rendere semplice l'uso dei nostri servizi ai nostri visitatori e a collezionare informazioni con l'intenzione di rendere sempre migliore il servizio sia in termini di performance che di usabilità. Il nostro sito utilizza link e componenti di terze parti che potrebbero a loro volta generare cookie dei quali non possiamo essere responsabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l’informativa sulla "Cookie policy completa". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti l'uso dei cookie.

Accetto Cookie policy completa

Accettazione installazione cookie

Utilizzando il nostro sito, senza modifiche al proprio browser alle configurazioni relative alla disattivazione dei cookie, l’utente accetta che tutti i cookie, compresi quelli di terze parti, possano essere installati sul proprio dispositivo.

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

 

Centro culturale Luigi ferrari

 Dal 22 dicembre al 6 gennaio Biblioteca e Archivio storico sono chiusi

BUONE FESTE!  

 

 

 

 

 

 

 

Lettera aperta ai Sindaci su bilanci e welfare

 

 

Lettera aperta ai Sindaci sui bilanci e sulla generazione di un nuovo sistema economico-sociale locale equo ed innovativo

 

Con la presente il Centro culturale Francesco Luigi Ferrari intende offrire un proprio contributo per affrontare nel miglior modo possibile la difficile situazione attuale, in particolare il passaggio critico che stanno attraversando le amministrazioni locali nel predisporre i bilanci comunali.

Siamo consapevoli che i Sindaci si trovano tra Scilla e Cariddi: da una parte il calo delle risorse e dall’altra le crescenti difficoltà di persone, famiglie e imprese acuite dalla perdurante crisi economico/finanziaria.

Ma forse questo è il momento migliore per cambiare veramente rotta.

 

Attacchi, paradossi, dilemmi

Da diversi anni, e da più parti, il welfare è stato oggetto di attacchi e manipolazione che ne hanno modificato la natura e la funzione.

F     Ha subito attacchi da chi – fautore di un welfare residuale – ne ha ridotto progressivamente il finanziamento, impoverendolo e relegandolo al solo ruolo assistenziale a fronte di quello ad esso più proprio di natura più promozionale e comunitaria;

F     Ha subito attacchi da chi – promuovendo un welfare tecnocratico – ha introdotto standard, procedure e modalità di controllo che ne hanno inibito lo spirito di azione, imbalsamato la possibilità di adeguamento alle esigenze dei cittadini e dei territori e, in definitiva, la capacità di avviare percorsi reali di innovazione sociale;

F     Ha subito attacchi da chi – sostenendo un welfare ideologico – ha difesa modelli, idee e politiche sganciate dalle novità imposte dal cambiamento ed ancorate ad idee fuori tempo massimo inibendo nella comunità la capacità di iniziativa;

F     Ha subito attacchi da chi – sostenendo un welfare strumentale – ha concentrato l’attenzione sull’offerta, a difesa delle quote di mercato, piuttosto che delle finalità specifiche dei servizi che venivano erogati.

 

In questo quadro, gli amministratori locali si sono dovuti mettere sulle spalle il fardello della gestione del welfare, razionalizzando una spesa sociale già ridotta al minimo, tagliando servizi senza che i cittadini se ne accorgessero, utilizzando i residui di bilancio, valutando con troppo ottimismo le entrate, utilizzando gli oneri di urbanizzazione e i ricavi ottenuti dalla vendita di patrimoni per finanziare la spesa corrente e, in ogni caso, faticando per attivare dei reali processi di cambiamento.

Ma questo non è più sufficiente, innanzitutto occorre dire come stanno le cose, richiamare ciascuno alle proprie responsabilità, risultare credibili e coerenti con le cose che si promettono.

 

Siamo di fronte al paradosso che mentre le risorse pubbliche diminuiscono, anche per il calo dei trasferimenti dello stato, aumenta invece la domanda, legittima, di servizi e di contributi per far fronte a nuovi e vecchi bisogni (disoccupazione, povertà, imprese che chiudono), e cresce anche la domanda di qualità e di appropriatezza degli interventi. A questo se ne aggiunge un secondo che riflette uno stato delle politiche locali che rendono stabile la condizione di bisogno e rendono rigida l’offerta. E’ sufficiente ricordare la situazione degli anziani e della non autosufficienza dove la maggiore qualità degli interventi, oltre a tradursi in una crescita dei costi a carico della collettività e degli utenti, ha concorso a sostenere un mercato sommerso per quelle famiglie che non hanno accesso ai servizi pubblici. Oppure la situazione dei nidi ai quali accedono le famiglie in reali situazioni di bisogno accanto a quelle, lavoratrici, che possono pagare le rette (i cosiddetti buoni pagatori).

Gli amministratori si trovano di fronte al non facile dilemma di decidere dove destinare le risorse a disposizione, e dove reperirne, eventualmente, di nuove ma, purtroppo, in assenza di informazioni vere sull’efficacia degli interventi e sui bisogni delle famiglie e delle imprese.

 

 

Ora serve più coraggio: dall’universalismo selettivo alle selezioni eque e innovative

Gli amministratori locali devono riprendersi in mano il welfare e traghettarlo nel futuro, devono avere il coraggio di fare scelte eque per gestire l’oggi e scelte innovative per costruire il domani.

 

Servono scelte eque per gestire l’immediato, per gestire il taglio dei finanziamenti imposti dal governo centrale e per mettere le mani nelle tasche delle famiglie in modo equo, chiedendo a chi ha di più di contribuire un po’ di più al mantenimento del livello essenziale di quel grande valore che è il welfare.

Servono in altri termini nuove coordinate quali:

F     Selezioni eque nell’individuazione dei servizi da garantire a chi ha veramente bisogno (equo accesso), non utilizzando il solo criterio economico per evitare la costruzione di un welfare residuale;

F     Selezioni eque nelle politiche di redistribuzione (equa redistribuzione); la cosiddetta addizionale irpef dovrebbe basarsi sul reddito familiare equivalente e non su quello individuale mantenendo il criterio della progressività; i nuovi investimenti potrebbero essere fatti con una imposta di scopo; il ricorso a nuovi mutui è possibile se relativo a opere che generano reddito;

F     Selezioni eque nelle politiche tariffarie (equa retta); se è consolidato il principio che la tariffa deve essere in equilibrio con il bilancio comunale è altrettanto vero che essa deve garantire lo stesso equilibrio con il bilancio familiare e con quello delle imprese; è necessario anche un controllo rigoroso delle tariffe dei servizi pubblici locali affidandolo ad un soggetto terzo;

F     Selezione nell’offerta di servizi (equa qualità); l’enfasi e gli investimenti sulla qualità, che si basa prevalentemente su standard tecnici sostenuti dal processo di accreditamento previsto dalla Regione, sono nei fatti a discapito dell’equità. La preoccupazione, condivisibile di garantire un’offerta professionale sembra andare a discapito di coloro che sono esclusi dal sistema di offerta e che rischiano di rimanere tali. Non ci può essere qualità senza equità.

F     Selezioni eque perché trasparenti e basate su priorità e informazioni chiare e diffuse (equa informazione) senza per questo penalizzare le politiche sociali rispetto a quelle legate allo sviluppo.

 

Redistribuire le risorse non è sufficiente occorre allocarle efficientemente e eliminare gli sprechi

Servono scelte visionarie per costruire il futuro, per rimettere il welfare al servizio delle persone, delle famiglie e della comunità, per ricostruire lo spazio dell’innovazione sociale e del cambiamento in un contesto nel quale governi tecnocratici hanno reso marginali gli spazi di cambiamento e la possibilità di generare forme alternative e domestiche di risposta alle proprie esigenze.

In tale contesto alcune scelte appaiono necessarie, in particolare:

1.      L’attuale crisi obbliga a scelte essenziali rispetto ad una concezione allargata del welfare che comprende oltre a sociale e sanità anche istruzione, formazione, lavoro, ambiente.

2.      L’attuale crisi obbliga ad aggiornare l’attuale sistema informativo territoriale. Risulta difficile attuare reali politiche redistributive se non si hanno le informazioni necessarie per progettarle ed attuarle ma soprattutto se non si decide di cambiare l’attuale struttura della spesa corrente e le scelte di investimento, che appaiono fortemente vincolata da scelte fatte negli anni precedenti e che ora frenano il cambiamento. Lo stesso vale per le politiche di sviluppo che possono risultare maggiormente efficaci se mirate a specifici target.

3.      L’attuale crisi obbliga alla sussidiarietà, verosimilmente quella buona, che sostiene l’assunzione di responsabilità a partire dal basso in una prospettiva di auto-mutuo aiuto e non quella che scarica le inefficienze del pubblico sulle famiglie e all’interno della famiglie soprattutto sulle spalle delle donne. L’approccio basato sulla prossimità consente di valorizzare interventi anche di piccola dimensione che possono risultare particolarmente efficaci nei territori marginali.

4.      L’attuale crisi obbliga il volontariato a dipendere economicamente e culturalmente sempre meno dal pubblico e a riscoprire le proprie origini e i propri compiti centrati sulle relazioni di reciprocità.

5.      L’attuale crisi obbliga i soggetti profit e no profit che operano con il pubblico a ricercare nuove traiettorie di sviluppo aperte al mercato.

6.      L’attuale crisi obbliga ad abbandonare il concetto di qualità tecnico-burocratico basato su standard che soffocano l’innovazione e la partecipazione oltre a limitare l’accesso degli utenti verso un’idea più inclusiva basata sulla prossimità al territorio e alle persone e al loro sistema di relazione a partire dalla famiglia.

7.      L’attuale crisi obbliga a fare i conti con i cosiddetti costi della politica che in misura maggiore sono sostenuti dalle scelte amministrative sbagliate o in ritardo e da un assetto organizzativo non ottimale e che non premia le scelte di risparmio pur mantenendo il raggiungimento degli obiettivi.

8.      L’attuale crisi obbliga a fare i conti con le diseconomie dovute alla frammentazione degli interventi che riflettono altrettanti centri di potere con sovrapposizione di ruoli e competenze. Occorre operare in termini di filiera di produzione dei servizi e conseguentemente occorre prevedere l’aggregazione di comuni, enti organizzazioni troppo piccole per funzionare efficientemente. Occorre poi recuperare e rimettere in economia i patrimoni immobiliari improduttivi, ripensare il processo di pubblicizzazione delle ex-ipab, e soprattutto dare un ruolo attivo alle fondazioni di origine bancaria che non sia di mero sostegno all’esistente ma di agente delle innovazioni sociali e di investimenti che incrementino la sostenibilità del nuovo sistema economico-sociale.

9.      L’attuale crisi obbliga il sistema delle imprese, a partire da quelle più dinamiche sui mercati, ad agire secondo una prospettiva di welfare aziendale, sostenute in questo dai propri lavoratori.

10.  L’attuale crisi obbliga a dotarsi di un sistema di valutazione degli interventi e di controllo sui beneficiari rispetto al possesso delle caratteristiche di meritorietà.

 

 

Generare un nuovo sistema di relazioni tra le persone, tra le organizzazioni e tra le persone e le istituzioni

Le prospettive sopra elencate, che non hanno certamente la presunzione di risultare esaustive, rimandano alla necessità di interventi, inevitabilmente anticiclici, di cui alcuni possono risultare efficaci nel breve periodo ed altri nel medio.

Si comprende che non c’è un’unica soluzione ad un problema oggettivamente complesso ma che occorre far leva su una tastiera di strumenti e di attori.

Per riprendere in mano il proprio futuro, occorre una regia equa ed innovativa che sia credibile, coerente e disinteressata ma anche degli attori altrettanto credibili, coerenti e disinteressati.

Le scelte che saremo obbligati a fare impatteranno inevitabilmente sui nostri comportamenti e sui nostri stili di vita e avranno un esito positivo se saranno fatte insieme da persone, famiglie, imprese, amministratori e tutti questi potranno lavorare per un obiettivo comune solo se avranno fiducia gli uni negli altri.

 

 

Centro culturale Francesco Luigi Ferrari

 

Modena, 9 novembre 2011

 

 

 

 

 

 

Centro culturale Francesco Luigi Ferrari - 41124 Modena – via Emilia Ovest 101 - T. 059 334537 – F. 059 827941 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.centroferrari.it -

Rassegna stampa incontro con Lech Walesa 24 novembre 2011

 

 

 

  

 

RASSEGNA STAMPA, RESOCONTI, VIDEO....

 

 

 -TG Emilia-Romagna, edizione delle ore 14.00, 24/11/2011

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-1c200eaf-c03b-4920-8c66-bc88a9989d44-tgr.html#p=0

 

- TRC-Telemodena, 24/11/2011

http://www.viaemilianet.it/notizia.php?id=9288

 

- Il Fatto Quotidiano, 24/11/2011

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/11/24/lech-walesa-modena-berlusconi-abile-barzellettiere/172886/

 

- Gazzetta di Modena, 25/11/2011

http://gazzettadimodena.gelocal.it/cronaca/2011/11/25/news/lech-walesa-ai-giovani-a-voi-cambiare-il-mondo-1.1696731

 

- L'Informazione, 25/11/2011

http://edicola.linformazione.com/archivio/20111125/08_MO2511.pdf

 

- Officine Tolau, 24/11/2011

http://officinetolau.blogspot.com/2011/11/lech-walesa-modena.html

 

- VolontariaMO, il portale del volontariato modenese, 25/11/2011

http://www.volontariamo.com/news-e-appuntamenti/notizie/interviste-inchieste/item/1087-la-solidariet%C3%A0-oltre-la-crisi-il-premio-nobel-walesa-a-modena

 

- Aggiungiamo a questa rassegna il resoconto di un partecipante che ci ha inviato le sue personali impressioni sull'incontro.

 

Documenti per Convegno Fondata sul lavoro, 1 maggio 2013

 

 

 

 

 

Fondata sul lavoro? Fondata sul lavoro!

La parola dei giovani su Costituzione, occupazione, crisi, problemi e prospettive.

Modena, Palazzo Europa, 1 maggio 2013, ore 10-17

 

 

DOCUMENTI

 

 

Convegno “Elemento fondamentale del vivere comune. Il lavoro nel pensiero di G. Dossetti”, Montesole (BO), 15-16 ottobre 2011.

Audio delle relazioni e degli interventi, testi scritti e locandina del convegno.

Questo è il link per ascoltare, leggere e scaricare i contenuti.

La Biblioteca del Centro F. L. Ferrari su BiblioMo

 

 

 

Anche la Biblioteca del Centro culturale Francesco Luigi Ferrari su BiblioMo, il nuovo catalogo online delle biblioteche di Modena e dell'Università di Modena e Reggio Emilia.

 

Da lunedì 18 novembre il link Catalogo del Polo Bibliotecario Modenese che trovate sul nostro sito nella pagina della Biblioteca del Centro Ferrari rimanderà al nuovo portale BiblioMo!

 

 

BiblioMo è il nuovo catalogo online del Polo Bibliotecario Modenese SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale) e verrà pubblicato ufficialmente lunedì 18 novembre 2013. Presto sarà disponibile anche la nuova versione della app omonima, BiblioMo app, quest'ultima rinnovata nella grafica e ottimizzata per smartphone e tablet.

BiblioMo non sarà più solo un catalogo ma un vero e proprio portale con tutti gli appuntamenti, le novità e le proposte di lettura delle biblioteche del polo. Sarà molto più amichevole e intuitivo nella navigazione e, oltre alle consuete funzioni di ricerca e localizzazione di libri, riviste, cd, dvd, fotografie, ecc., permetterà tra l'altro di:

·                     inserire commenti e rating

·                     condividere le proprie ricerche in rete

·                     abbonarsi ai feed rss di una ricerca

·                     espandere la ricerca su wikipedia, anobii, google books, ecc.

·                     consultare uno scaffale virtuale per ogni biblioteca

·                     scoprire nuove risorse con "Chi ha letto questo ha letto anche".

 

Vi aspettiamo su BiblioMo!

Demo Image
 

Biblioteca

La Biblioteca del Centro Ferrari si sviluppa intorno al patrimonio librario costituito nel corso degli anni a supporto delle attività del Centro e degli interessi specifici dei suoi membri. Oltre a questo nucleo originario la Biblioteca conserva, organizza e rende disponibili all'esterno i volumi provenienti da alcune consistenti donazioni di enti e di privati, come il Centro di formazione politica 'Alessandro Coppi', il lascito di Ermanno Gorrieri e il piccolo fondo, risalente agli inizi del Novecento, costituito dalla biblioteca dell'Associazione studenti medi San Giovanni Bosco, detta il Paradisino.

 

Demo Image
 

Archivio Storico

 

L´Archivio storico «Francesco Luigi Ferrari», dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenzaarchivistica per l’Emilia-Romagna del Ministero dei Beni e delle Attività culturali, raccoglie carte e documenti soprattutto sulla storia locale contemporanea e sul movimento cattolico modenese.

 

 

 

 

 


Vittorino Carra Solidarietà ONLUS

Contattaci

Centro culturale Francesco Luigi Ferrari

Tel/Fax/Email

CODICE FISCALE