NOTA! Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie.

I cookie sono piccole porzioni di dati, che il server web fornisce al dispositivo di navigazione dell’utente, lo scopo principale è il permettere ai nostri utenti l’utilizzo dei nostri servizi. Inoltre le informazioni generate dall’uso dei cookie ci permettono di rendere migliore la navigazione permettendoci di individuare come ottimizzare le nostre pagine o le nostre infrastrutture tecniche.

Il nostro sito non produce direttamente cookie di profilazione, ovvero volti a creare profili relativi all’utente e che vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.

Il nostro sito può contenere anche link, servizi, immagini o componenti multimediali di terze parti i quali possono generare a loro volta dei cookie sui quali non possiamo avere controllo diretto.


I tipi di cookie che utilizziamo

Cookie Tecnici

Queste tipologia ha come unico scopo il garantire la trasmissione della comunicazione tra l’utente e il sito sulla rete Internet e nella misura strettamente necessaria al fornire il servizio da noi offerto in completezza e nelle migliori condizioni di qualità. I cookie tecnici gestiti dal nostro sito sono suddivisi in tre principali modalità d’utilizzo:

Cookie strettamente indispensabili alla generazione dell pagine web del sito

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come a titolo d’esempio accedere ad aree dedicate ad utenti registrati, la registrazione al sito,

Il login, utilizzo di eventuale carrello di elettronico e relativo modulo di pagamento online, etc.

Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come ad esempio la semplice visualizzazione di una pagina, non possono essere fruiti.

Cookie per l’analisi e la gestione delle prestazioni del sito

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitate, se sono stati generati messaggi di errore da pagine web.

Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite questi cookie sono aggregate e quindi anonime.

Lo scopo è quello di migliorare il funzionamento di un sito web e l’esperienza di navigazione dei visitatori.

Cookie per la gestione e l’analisi delle funzionalità

Questa tipologia di cookie consente al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente, all’interno del nostro sito per fornire funzionalità avanzate personalizzate come ad esempio: possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web dove previsto.

Essi possono anche essere utilizzati per fornire servizi richiesti dal visitatore come guardare un video.

Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie sono rese anonime e non in grado di monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.

Cookie e servizi di terze parti

Sono presenti nel sito Web anche servizi e link di terze parti, ad esempio i pulsanti per Facebook, Twitter, che potenzialmente possono collocare cookie nel dispositivo elettronico in uso quando si fa clic su di essi.

Si tenga presente che l’informativa sull’uso dei cookie non riguarda i link presenti nel sito Web che indirizzano a siti Web di terzi.

Si consiglia pertanto di leggere le informative sulla privacy presenti negli altri siti Web visitati attraverso i link indicati di seguito.

Per ulteriori informazioni, leggere attentamente i seguenti paragrafi sui link a siti, o servizi testuali, immagini o componenti multimediali di terzi presenti nel sito Web.

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Le componenti di Google Analytics, inserite nel nostro sito, possono utilizzare dei "cookies" generati direttamente dai server di Google Inc e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un'informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l'informativa sull'uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html .

Per le modalità di utilizzo dei "cookies" da parte di Gogole Analytics, si consiglia di visitare il seguente link:

http://www.google.com/intl/it/policies/technologies/cookies/ .

Google Inc. mette a disposizione un plugin per alcuni browser che impedisce il rilevamento del cookie del servizio Google Analytics, per maggiori informazioni visita il link:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it .

Pulsanti e widget sociali di Facebook

Il sito Web contiene pulsanti e widget per la condivisione di contenuti sul social network Facebook, 1601 South California Avenue, Palo Alto, CA 94304, U.S.A.

Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Facebook e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://www.facebook.com/about/privacy/ .

Pulsanti e widget sociali di Twitter

Il sito Web include funzioni per il provider Twitter, offerte da Twitter Inc., 795 Folsom St, Suite 600, San Francisco, CA 94107, U.S.A.

Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Twitter e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://twitter.com/privacy .

Se si è utenti del servizio twitter è possibile modificare le impostazioni di tutela dei dati direttamente dal proprio account seguendo il link:

http://twitter.com/account/settings .

Pulsante e widget sociali di Google+ (Google)

Il sito Web include funzioni per il provider Google inc, in particolare il pulsante +1 e i widget sociali di Google+, questi sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc. Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Google Inc e partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/ .


Pulsante e widget sociali di YouTube

Nel sito possono essere inclusi video, pulsanti ed altri widget sociali del servizio YouTube di YouTube, LLC. Queste componenti possono utilizzare dei “cookies” generati direttamente dai server di Youtube e suoi partner, in qualità di editore non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata, per tanto si consiglia di visitare il seguente link per l’informativa sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio:

https://support.google.com/youtube/answer/2407785?hl=it .

 

Negazione del consenso: disabilitazione dei cookie

Attualmente non è possibile disabilitare in modo selettivo i nostri cookie tecnici, è possibile in compenso disattivarli completamente. Per quanto riguarda i cookie di terzi si faccia riferimento ai link forniti nei paragrafi precedenti per l’eventuale disattivazione, dove possibile, selettiva.

Nel caso si volesse negare il consenso d’installazione dei cookie generati dal nostro sito è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer o dispositivo impostando, se previsto, la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati.

Visita il sito http://aboutcookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

E’ importante ricordarti che la disabilitazione dei cookie potrebbe impedirti di usare alcune, se non tutte, funzioni o sezioni del sito.

Il Centro culturale Ferrari non sarà responsabile di danni subiti dall’utente, tra i quali perdite dati e finanziarie, causate da malfunzionamenti legati alla negazione del consenso all’utilizzo dei cookie originati dal nostro sito e/o dai siti dei partner di terze parti.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Per la gestione dei cookie ti consigliamo di far riferimento ai siti degli sviluppatori dei browser, poiché queste variano continuamente in base alla versione del software installato, in particolare:

Internet Explorer (http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies)

Firefox (http://support.mozilla.com/it-IT/kb/Cookies)

Chrome (https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=it&answer=95647&p=cpn_cookies)

Safari (http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT)

Il nostro sito utilizza cookie tecnici necessari a rendere semplice l'uso dei nostri servizi ai nostri visitatori e a collezionare informazioni con l'intenzione di rendere sempre migliore il servizio sia in termini di performance che di usabilità. Il nostro sito utilizza link e componenti di terze parti che potrebbero a loro volta generare cookie dei quali non possiamo essere responsabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l’informativa sulla "Cookie policy completa". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti l'uso dei cookie.

Accetto Cookie policy completa

Accettazione installazione cookie

Utilizzando il nostro sito, senza modifiche al proprio browser alle configurazioni relative alla disattivazione dei cookie, l’utente accetta che tutti i cookie, compresi quelli di terze parti, possano essere installati sul proprio dispositivo.

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

 

Centro culturale Luigi ferrari

 Benvenuti!

 

 

 

 

 

 

 

Chi è Francesco Luigi Ferrari

Francesco Luigi Ferrari (1889 – 1933), giornalista, avvocato, politico, cattolico e antifascista, è stato una delle figure più significative della storia italiana contemporanea. Ha percorso infatti in prima persona, in una molteplicità di impegni e di esperienze, il difficile cammino compiuto dalle idee di libertà, partecipazione e democrazia nei primi trent’anni del Novecento.

Dalla famiglia di origine riceve una intensa e solida formazione religiosa aperta alla dimensione sociale. Compie gli studi di legge e diventa avvocato. Nonostante gli impegni sindacali e politici che nel corso del tempo si fanno sempre più numerosi, dedica notevoli energie alla professione che vive e sente come una vocazione e che esercita anche se non può ricevere compenso, tanto che viene soprannominato "l’avvocatino dei poveri".

Si impegna nell’associazionismo giovanile a Modena e a livello nazionale nella Fuci, la Federazione degli universitari cattolici, di cui fu presidente, promuovendo una intensa attività formativa sui temi della questione sociale e della partecipazione alla vita politica.

Nello stesso tempo si fa promotore di quelle organizzazioni sindacali di ispirazione cristiana che considera strumento indispensabile per rispondere alle contraddizioni di uno sviluppo economico che non era riuscito a dare risposte convincenti ai problemi della popolazione. Il suo metodo è quello di calibrare l’azione e la scelta degli strumenti per affrontare i problemi su una analisi realistica del contesto presente, facendo contemporaneamente tesoro dell’esperienza del passato.

L’inizio dell’attività nel movimento sindacale e nell’organizzazione giovanile cattolica coincide con l’inizio della sua attività giornalistica, che accompagna sempre la vita di Ferrari, anche negli anni dell’esilio. I suoi articoli, prima sulla stampa locale e poi sulla stampa europea, sono analisi e indicazioni per interventi concreti in campo giovanile, sindacale, cooperativo, e riflessioni sulla natura di una presenza e di un impegno attivi e responsabili e sulla necessità del farsi carico dei problemi sociali e politici del mondo in cui si vive.

L’esperienza in campo sociale viene poi spesa anche in campo politico e amministrativo con l’attività di consigliere comunale (1914), in cui Ferrari si distingue per lo spirito riformatore delle sue proposte a favore delle classi popolari e contadine e per le concezioni democratiche e socialmente avanzate.

Lo scoppio della prima guerra mondiale interrompe questa esperienza. Al termine del conflitto, ancora sotto le armi, viene incaricato di stendere delle relazioni sulla situazione politica, sociale e culturale delle zone di occupazione italiana sul confine orientale. In queste note traspaiono i tratti distintivi del pensiero ferrariano, contrario alla politica delle annessioni violente e per un dispiegamento delle idee democratiche e liberali che possono garantire all’Europa un futuro di pace

L’esperienza bellica segna una svolta anche nella vita privata: nel 1918 conosce Orsola Filbier (Lina), una ragazza triestina che sposa nel 1919. Ottenuto il congedo, i coniugi Ferrari tornano a Modena, dove nascono i loro primi figli.

Ferrari riprende il suo impegno non solo sindacale, ma anche partitico con la militanza attiva nel Partito popolare, costituitosi nel 1919.

A livello amministrativo presenta diverse proposte perché la transizione alla fase postbellica non colpisca solo quei ceti meno abbienti che risultano i più esposti ai problemi economici che gravano sulla società modenese.

Il fascismo intanto, dopo aver ridotto all’impotenza le organizzazioni socialiste, si rivolge con gli stessi mezzi contro i popolari. Lo stesso Ferrari rimane vittima di una prima aggressione dello squadrismo nel maggio 1921. Questo grave momento della storia nazionale gli serve comunque per compiere un salto di qualità nella propria vita politica.

L’esigenza di rinnovare in profondità la vita democratica del paese assume una centralità assoluta, l’unica possibilità per opporsi al fascismo con un progetto. Se in precedenza questa priorità si era espressa soprattutto con l’impegno nel sindacato e nel partito a livello modenese, ora Ferrari la assume in una prospettiva nazionale e la porta avanti all’interno del partito fino a quando gli è possibile e fino a quando il fascismo non travolge ogni opposizione.

Fonda a Milano nel 1922, con Guido Miglioli, il "Domani d'Italia" che diventa l'organo della sinistra popolare. E' il principale coordinatore del settimanale che diventa fino al 1924 il centro propulsore di un approfondimento ideologico dei contenuti programmatici attorno a cui era nato il Partito popolare e al congresso di Torino, nel 1923, è tra i più risoluti a proporre la rottura con il Governo Mussolini dando pieno sostegno alla linea di opposizione al fascismo di Luigi Sturzo.

Nonostante un’aggressione squadrista dopo il congresso e la sorveglianza della polizia, mantiene il suo attivo impegno antifascista sino allo scioglimento del PPI nel 1926. Negli ultimi giorni sfugge alla cattura dei fascisti che gli distruggono lo studio di avvocato e va esule in Francia.

Dopo aver fatto tappa a Parigi e a Bruxelles, si trasferisce a Lovanio dove segue i corsi dell’università locale e scrive "Il regime fascista italiano". L'intento di Ferrari è suscitare un dibattito sul carattere del regime tra gli antifascisti in esilio e soprattutto sensibilizzare l’opinione pubblica degli altri paesi europei sulla idea che le vere radici del fascismo vanno cercate in una concezione oligarchica e scarsamente democratica della politica. Al tempo stesso con questo scritto riafferma con forza la sua fede nelle istituzioni politiche di una moderna democrazia parlamentare che garantisca i diritti individuali della persona umana e consenta sempre più ampie forme di partecipazione dei cittadini alla vita pubblica.

A Lovanio lo raggiunge nell’esilio la moglie con i figli.

Collabora in quegli anni alle maggiori iniziative promosse dagli ambienti del fuoriuscitismo democratico.

Nel 1930 e nel 1931 diffonde clandestinamente in Italia, tramite il movimento di Giustizia e Libertà, due lettere a tutti i Parroci contro i rischi della utilizzazione del Concordato del 1929 da parte della dittatura, evidenziando in questi scritti la sua idea che la libertà non è un bene frazionabile e che certe concessioni alla chiesa da parte del regime non possono essere considerate forme di libertà quanto tutte le altre libertà pubbliche e private sono soppresse.

Negli ultimi anni dell'esilio, trasferito con la famiglia a Parigi, dedica tutto il suo impegno alla redazione di una rivista politico-culturale, da lui fondata e diretta, intitolata "Res Pubblica", alla quale collaborano i più bei nomi del fuoriuscitismo democratico.

Il 2 marzo del 1933, all’età di appena quarantatre anni, Francesco Luigi Ferrari muore in una clinica parigina per il riacutizzarsi di un trauma polmonare, causato probabilmente dalle percosse subite in Italia. Lascia la moglie che proprio in quel giorno festeggia il compleanno e quattro figli, di cui uno di appena un mese.

Demo Image
 

Biblioteca

La Biblioteca del Centro Ferrari si sviluppa intorno al patrimonio librario costituito nel corso degli anni a supporto delle attività del Centro e degli interessi specifici dei suoi membri. Oltre a questo nucleo originario la Biblioteca conserva, organizza e rende disponibili all'esterno i volumi provenienti da alcune consistenti donazioni di enti e di privati, come il Centro di formazione politica 'Alessandro Coppi', il lascito di Ermanno Gorrieri e il piccolo fondo, risalente agli inizi del Novecento, costituito dalla biblioteca dell'Associazione studenti medi San Giovanni Bosco, detta il Paradisino.

 

Demo Image
 

Archivio Storico

 

L´Archivio storico «Francesco Luigi Ferrari», dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenzaarchivistica per l’Emilia-Romagna del Ministero dei Beni e delle Attività culturali, raccoglie carte e documenti soprattutto sulla storia locale contemporanea e sul movimento cattolico modenese.

 

 

 

 

 


Vittorino Carra Solidarietà ONLUS

Contattaci

Centro culturale Francesco Luigi Ferrari

Tel/Fax/Email

CODICE FISCALE